• sa.lupacchini@gmail.com

©SA7 perchè?

Curiosità sulla scelta “Sasette”

Il mio nome è composto da 7 lettere e i miei affetti mi chiamano Sa. Sono nata il 27-7.

Oltre ad avere un buon suono mentre lo si pronuncia e ad avere una bella forma quando lo si scrive è un numero magico, misterioso, quasi sacrale ed è – in fin dei conti per questo l’ho scelto – il mio numero preferito …e poi volete mettere….l’espressione “essere al settimo cielo”…

Alcune curiosità che ho trovato girando su su internet
È un numero fortemente presente nella natura umana e nelle espressioni più evidenti delle pur diverse ricerche spirituali. Nella bibbia si narra di un dio che in 7 giorni (compreso il riposo) realizzò la sua creazione. 7 sono i giorni della settimana che lo ricordano all’uomo e sette sono le note musicali che producono l’armonia (parola di sette lettere). 7 è il solo dei primi dieci numeri che non ne genera nessuno ed è generato solo dall’unità. 7 è il risultato della somma dei 3 (lo spirito, il maschile) e del 4 (la materia, il femminile).

Per chi crede…il senso del 7 di diverse religioni….
– 7 nomi per indicare la terra e altrettanti per il cielo (Antico Testamento)
– la rottura dei 7 sigilli annuncerà la fine dei mondo, la rottura sarà seguita dal suono di 7 trombe per bocca dei 7 angeli, quindi dai 7 portenti e infine dal versamento delle 7 coppe dell’ira di Dio (libro dell’apocalisse)
– 7 sono i sacramenti, i doni dello Spirito Santo, i peccati capitali (gola, lussuria, avarizia, superbia, accidia, invidia e ira) e le virtù, 4 cardinali (forza, sapienza, giustizia e temperanza)
e 3 teologali (fede, speranza e carità) Nuovo Testamento,
– il candelabro a 7 luci, detto Menorah, è il simbolo della fede eternamente accesa dell’Ebraismo
– nel Corano, il mondo è sorretto da 7 colonne poggiate sulle spalle di un gigante, a sua volta sostenuto da un’aquila, che posa su una balena che nuota nel Mare Eterno
–  7 erano gli illuminati del Veda dell’India (libro sacro dell’Induismo

Ancora sul 7

– 7 è sinonimo di governo dei cicli e dei ritmi della vita umana. Dopo il concepimento, infatti, l’embrione rimane tale per 7 settimane per poi trasformarsi in feto e il parto avviene dopo 7 lune nuove.
– 7 i colori dell’arcobaleno
– 7 le note musicali
– 7 centri energetici dell’organismo umano
– 7 le stelle della costellazione dell’Orsa Maggiore
– 7 i principali fenomeni di meteorologia
– 7 gli aromi base che compongono i profumi
– 7 le meraviglie del mondo antico
– 7 i cieli dei sistema Tolemaico
– 7 le figlie dei titano Atlante
– 7 le fanciulle e i fanciulli che venivano offerti al Minotauro
– 7 i sapienti dell’antica Grecia
– 7 i veli di Salomè ne La danza dei 7 veli
– 7 le opere di misericordia
– 7 i dolori di Maria
– 7 le piaghe d’Egitto
– 7 doni nel Pater Noster
– 7 gli stivali delle 7 leghe
– 7  i nani di Biancaneve
– Avere 7 spiriti come i gatti
– 7 colori dell’Iride e nella volta celeste, le 7 stelle dell’Orsa Maggiore
– Sudare 7 camicie
– Andare per i 7 mari
“La montagna delle 7 balze” (uno dei libri a cui sono legata) di Thomas Merton

Ogni 7 anni si celebrava l’anno sabbatico
Le divinità mitologiche identificate dalla Cabala ebraica e I pezzi che compongono il Tangram, antico rompicapo cinese o Gli anni di disgrazia se si rompe uno specchio e La crisi dei 70 anni
Il numero 7 è senza alcun dubbio il numero più ricorrente nella storia di Roma.
La città è stata costruita su 7 Colli, governata da 7 re. Roma è la città delle 7 Chiese.

“Sette è il numero del difetti dell’occhio: Il primo è che l’occhio vede altro ma non se stesso; – il secondo è che non vede lontano, e nemmeno troppo vicino;  – il terzo è che non vede oltre una cortina;  – il quarto è che vede l’esterno e non l’interno;  – il quinto è che vede la parte e non il tutto; – il sesto è che vede il finito e non l’infinito;  – il settimo, infine, è che l’occhio vede piccolo il grande”.
Nella cultura ellenica, l’Armonia tra pensiero ed azione viene indicata nei sette sapienti e nelle sette meraviglie del Mondo.

Nella Kabbala, l’uomo viene rappresentato in una triplice essenza ma la rappresentazione della sua evoluzione è settemplice; cioè con le capacità: vegetativa (nascita e sviluppo del corpo); nutritiva(mantenimento); – sensitiva (contatti sensoriali con i fenomeni del mondo esterno al suo corpo); -intellettiva (elaborazione e sintesi); – sociale (rapporti con i suoi simili); – naturale (rapporti con il suo contesto); – divina (ricerca dell’Armonia con la realtà di Dio).